Come Avviare una Startup in Spagna: Nuova Legge sulle Startup 2024
Home Articoli Come Avviare una Startup in Spagna: Nuova Legge sulle Startup 2024

Come Avviare una Startup in Spagna: Nuova Legge sulle Startup 2024

Nuova legge sulle startup in Spagna: guida completa all’apertura di un’azienda innovativa spagnola

La Spagna si sta affermando come un hub vibrante per le startup, offrendo un ambiente ricco di opportunità grazie alle sue politiche favorevoli all’innovazione e agli incentivi fiscali significativi. Con la recente introduzione della legge 28/2022 (Legge Startup), il paese ha ulteriormente migliorato il suo appeal come destinazione ideale per fondatori di startup e nomadi digitali, fornendo un quadro legale e fiscale ottimizzato per supportare la crescita e lo sviluppo delle nuove imprese. Questo articolo mira a fornire una guida dettagliata su come aprire una startup in Spagna, esplorando i benefici legali e fiscali, i costi iniziali, le procedure necessarie e i criteri per scegliere la migliore forma giuridica per il vostro business. Se siete un’azienda internazionale che cerca di espandere le proprie operazioni o avviare una nuova entità in questo dinamico mercato, le informazioni contenute in questa guida vi saranno di grande aiuto.

Donna in abito formale che esamina grafici e dati, rappresentando l'analisi di una startup in Spagna

Startup in Spagna: cosa prevede la legge 28/2022

La Spagna si conferma terreno fertile per le startup, grazie all’introduzione della nuova legge 28/2022, entrata in vigore il 22 dicembre 2022. Questa normativa rappresenta un pilastro fondamentale per il sostegno e la promozione delle imprese nascenti, proponendo un quadro legale e fiscale altamente incentivante, in particolare per le aziende che operano nei settori tecnologico e digitale.

La legge sulle startup in Spagna stabilisce criteri specifici che un’impresa deve soddisfare per essere riconosciuta come tale:

  • Essere una società di nuova costituzione o costituita da meno di cinque anni (estendibili a sette anni per le imprese nei settori biotecnologico, energetico, industriale o altri settori strategici).
  • Non aver distribuito dividendi.
  • Non essere quotata in mercati regolamentati.
  • Avere almeno il 60% dei dipendenti con contratto di lavoro in Spagna.
  • Sviluppare un progetto imprenditoriale innovativo con un modello di business scalabile.

I vantaggi principali offerti dalla legge includono:

  • Una riduzione significativa dell’aliquota fiscale per le startup, fissata al 15% per i primi quattro anni di attività in cui si realizzano utili.
  • Esenzioni fiscali e agevolazioni per i nomadi digitali e i lavoratori che si trasferiscono in Spagna per partecipare a progetti innovativi.

Per beneficiare di queste agevolazioni, le startup devono presentare una richiesta all’ENISA (Empresa Nacional de Innovación), che valuterà il progetto imprenditoriale e confermerà se rispetta i criteri di innovazione e scalabilità richiesti. In assenza di una decisione entro tre mesi dalla domanda, l’approvazione è considerata concessa per silenzio amministrativo positivo.

Questa legislazione apre nuove prospettive per gli investitori e gli imprenditori che mirano a capitalizzare sul dinamico ecosistema delle startup in Spagna, rendendo il paese ancora più attraente per l’innovazione e lo sviluppo tecnologico.

Avviare una startup in Spagna richiede una buona conoscenza delle leggi locali e delle procedure burocratiche. Per rendere questo processo il più semplice possibile, Lawants offre servizi specializzati nella costituzione di società succursali e filiali in Spagna. Il nostro team di esperti ti guiderà attraverso ogni fase, assicurando che la tua azienda sia conformemente registrata e operativa in tempi rapidi. Contattaci oggi stesso.

Costituzione di società succursali e filiali in Spagna

Guida per la costituzione di società in Spagna. Differenza tra succursale, branch, filiale ed ufficio di rappresentanza. In questo articolo […]

Leggi di più… from Costituzione di società succursali e filiali in Spagna

Scopri di più

Benefici fiscali per le startup spagnole

La nuova legge sulle startup in Spagna ha introdotto significative riduzioni fiscali e esenzioni specifiche che rendono il paese ancora più accogliente per le nuove imprese.

Uno degli aspetti più rilevanti è la già menzionata riduzione dell’aliquota fiscale per le startup, che è stata abbassata al 15% per i primi quattro anni fiscali in cui la società realizza utili. Questo rappresenta un forte incentivo per le giovani aziende in fase di crescita, permettendo loro di reinvestire una maggiore quota di profitti nello sviluppo e nell’espansione del business.

In aggiunta, la legge ha introdotto modifiche significative riguardo alle “stock options”, una forma comune di remunerazione variabile utilizzata dalle startup per attrarre e trattenere talenti. A partire dal 1° gennaio 2023, il conferimento di azioni o partecipazioni ai dipendenti è soggetto a una esenzione fiscale fino a 50.000 euro annui, un netto aumento rispetto al limite precedente di 12.000 euro. Questo cambiamento non solo beneficia i dipendenti, ma serve anche da leva per le startup che vogliono attrarre i migliori talenti senza gravare eccessivamente sulla propria liquidità.

Per quanto riguarda gli investimenti nelle startup, la legge ha migliorato anche le condizioni di deducibilità degli investimenti stessi. Gli investitori possono ora godere di una detrazione fiscale incrementata dal 30% al 50%, con un limite massimo elevato da 60.000 euro a 100.000 euro annui. Queste modifiche hanno l’obiettivo di stimolare ulteriormente gli investimenti privati nelle startup spagnole, riconoscendo e incentivando il ruolo critico che tali investimenti giocano nel sostegno alla crescita e all’innovazione.

Questi benefici fiscali sono parte integrante della strategia del governo spagnolo per promuovere un ambiente imprenditoriale dinamico e competitivo, attirando sia talenti che capitali nel paese, e consolidando la posizione della Spagna come uno dei principali hub europei per l’innovazione e l’impresa tecnologica.

Come avviare una startup in Spagna

Per chi voglia godere dei benefici e delle agevolazioni previsti dalla nuova legge startup spagnola, è importante sapere che avviare una startup in Spagna richiede di seguire una serie di passaggi imprescindibili per trasformare un’idea imprenditoriale in una realtà aziendale registrata e operativa.

Ecco una guida passo-passo su come aprire una startup in Spagna:

  1. Definizione dell’idea imprenditoriale e del business plan: Prima di procedere con qualsiasi formalità legale, è essenziale avere un’idea chiara del prodotto o servizio che si intende offrire, del mercato target e delle strategie di monetizzazione. Un business plan dettagliato aiuterà a guidare le decisioni aziendali e sarà cruciale per attrarre investitori.
  2. Scelta della forma giuridica: Come discusso precedentemente, determinare se operare come società limitata (SL) o società per azioni (SA) è fondamentale e dipenderà dalla struttura di capitale, dal numero di investitori e dagli obiettivi di crescita. Scopri tutte le tipologie di società in Spagna.
  3. Registrazione del nome aziendale: Assicurarsi che il nome scelto non sia già in uso o registrato. Questo può essere verificato tramite il Registro Mercantile Centrale.
  4. Apertura di un conto bancario aziendale: Prima della registrazione formale dell’azienda, sarà necessario aprire un conto bancario in Spagna per depositare il capitale sociale minimo richiesto.
  5. Redazione degli statuti societari: Questi documenti delineano le regole di gestione dell’azienda e i diritti e doveri dei soci.
  6. Registrazione legale dell’azienda: Questo include il deposito degli statuti societari e delle informazioni aziendali presso il Registro Mercantile locale e l’ottenimento del Codice di Identificazione Fiscale (CIF).
  7. Ottenimento del NIE: Per gli stranieri che desiderano avviare una startup in Spagna, è essenziale ottenere il Numero di Identità per Stranieri (NIE), che è necessario per quasi tutte le transazioni economiche e legali.
  8. Licenze e permessi: A seconda del tipo di attività, potrebbero essere necessarie specifiche licenze o permessi dal comune o altre autorità locali.
  9. Iscrizione agli enti previdenziali e fiscali: Registrare l’azienda per i contributi alla previdenza sociale e configurare l’imposta sul valore aggiunto (IVA) se applicabile.
  10. Lancio operativo: Con tutte le registrazioni e le licenze in posto, la startup può iniziare formalmente le operazioni.

Ottenere il NIE e aprire un conto bancario sono passaggi critici nel processo di avvio di un’attività in Spagna. Il NIE è indispensabile non solo per la registrazione aziendale ma anche per una vasta gamma di transazioni legali e finanziarie. Analogamente, avere un conto bancario aziendale è essenziale per gestire tutte le transazioni finanziarie relative all’attività in modo efficiente e trasparente. Questi elementi sono fondamentali per assicurare che la startup sia conforme alle normative spagnole e pronta per entrare con successo nel mercato.

Per avviare una startup in Spagna, una delle decisioni più cruciali riguarda la scelta della forma giuridica appropriata. In Spagna, le forme giuridiche più comuni per le imprese sono la società a responsabilità limitata (Sociedad Limitada – SL) e la società per azioni (Sociedad Anónima – SA). Ogni forma giuridica presenta specifici vantaggi e svantaggi che possono influenzare la gestione, la tassazione e le capacità di crescita dell’impresa.

Società a responsabilità limitata (SL):

  • Vantaggi: Richiede un capitale sociale minimo di 3.000 euro, che la rende accessibile per molti imprenditori. La responsabilità dei soci è limitata al capitale apportato, proteggendo così i beni personali. La gestione e la struttura amministrativa sono relativamente semplici, ideali per piccole e medie imprese.
  • Svantaggi: È soggetta a restrizioni nella trasferibilità delle quote sociali, il che può limitare le opzioni di uscita per gli investitori.

Società per azioni (SA):

  • Vantaggi: Adatta per raccogliere grandi quantità di capitale, dato che può emettere azioni e obbligazioni. Offre una maggiore flessibilità nella vendita e nell’acquisto di azioni, rendendola ideale per aziende che prevedono una rapida crescita o l’ingresso in borsa.
  • Svantaggi: Richiede un capitale sociale minimo di 60.000 euro, di cui almeno il 25% deve essere versato all’atto della costituzione. La complessità amministrativa e i costi di gestione sono generalmente superiori rispetto alla SL.

La scelta tra SL e SA dipenderà dalle specifiche esigenze della startup, inclusi i piani di finanziamento, la dimensione prevista dell’azienda e le strategie di uscita degli investitori. È fondamentale considerare questi aspetti con attenzione e consultare un esperto legale o un consulente specializzato per prendere una decisione informata che migliori supporti gli obiettivi a lungo termine della startup in Spagna.

Con la nuova legge sulle startup, è cruciale scegliere la forma giuridica più adatta per beneficiare appieno delle agevolazioni. Lawants offre servizi completi per la costituzione di società succursali e filiali in Spagna, aiutandoti a navigare le complessità legali e fiscali. Affidati a noi per una consulenza esperta e su misura. Contattaci oggi stesso.

Costituzione di società succursali e filiali in Spagna

Guida per la costituzione di società in Spagna. Differenza tra succursale, branch, filiale ed ufficio di rappresentanza. In questo articolo […]

Leggi di più… from Costituzione di società succursali e filiali in Spagna

Scopri di più

Ufficio moderno con persone al lavoro ai computer, ambiente tipico di una startup in Spagna

Documenti indispensabili per la costituzione

Per avviare una startup in Spagna, è necessario preparare e presentare una serie di documenti legali e amministrativi. Questi documenti sono fondamentali per garantire che l’azienda sia registrata correttamente e operi in conformità con le leggi spagnole. Ecco un elenco dei documenti indispensabili e le relative procedure:

  1. NIE (Número de Identificación de Extranjero): Questo è il numero di identificazione per gli stranieri e è essenziale per tutti gli imprenditori non spagnoli. Il NIE è necessario per la registrazione fiscale, l’apertura di conti bancari, e per tutte le transazioni economiche significative in Spagna. Può essere ottenuto presso le stazioni di polizia locali o le ambasciate spagnole nel paese di origine.
  2. Licenza municipale: Prima di iniziare qualsiasi attività commerciale, è necessario ottenere una licenza municipale dal comune dove si trova l’azienda. Questa licenza conferma che l’attività rispetta le normative locali, incluse quelle relative alla sicurezza e all’igiene. Il processo può variare a seconda del comune, quindi è consigliabile contattare il municipio locale per i dettagli specifici.
  3. Registrazione fiscale: Oltre al NIE, le aziende devono ottenere un Codice di Identificazione Fiscale (CIF) dall’Agenzia delle Entrate spagnola. Questo codice è necessario per tutte le questioni fiscali, inclusa l’emissione di fatture e il pagamento delle tasse aziendali.
  4. Licenza di attività: A seconda del tipo di attività commerciale, potrebbero essere necessarie ulteriori licenze specifiche del settore. Ad esempio, un’attività che implica la vendita di alimenti o bevande richiederà licenze sanitarie aggiuntive. La procedura per ottenere queste licenze include generalmente la presentazione di documentazione dettagliata sull’attività, ispezioni dei locali da parte delle autorità competenti e, in alcuni casi, la partecipazione a corsi di formazione specifici del settore.
  5. Registrazione al Registro Mercantile: Una volta completati tutti i passaggi precedenti, l’ultima fase consiste nel registrare formalmente la società al Registro Mercantile. Questo include il deposito degli statuti societari, la dimostrazione del versamento del capitale sociale e la presentazione dei dati dei direttori e degli azionisti.

La preparazione accurata e la presentazione di questi documenti sono essenziali per garantire una transizione fluida dalla fase di ideazione alla piena operatività della startup in Spagna. È consigliabile consultare un avvocato o un consulente specializzato in diritto commerciale spagnolo per assistenza in questo processo complesso ma cruciale.

Costi per avviare una startup in Spagna

L’avvio di una startup in Spagna comporta una serie di costi iniziali che gli imprenditori devono considerare per pianificare efficacemente il lancio e la gestione delle loro attività. Uno dei primi passaggi consiste nella registrazione e costituzione legale dell’impresa, che implica spese quali notai, registrazioni al Registro Mercantile e possibili costi legali per la redazione di statuti societari. Queste spese possono variare significativamente a seconda della complessità della struttura societaria scelta e dei servizi legali richiesti, ma generalmente si aggirano tra i 1.000 e i 3.000 euro.

Oltre ai costi di costituzione, è essenziale considerare i costi fissi medi mensili associati alla gestione di un’impresa in Spagna. Gli affitti commerciali variano notevolmente a seconda della location; per esempio, le aree centrali di città come Madrid e Barcellona possono avere affitti significativamente più alti rispetto ad altre zone meno centrali o altre città spagnole.

I costi di affitto per uffici in queste metropoli possono partire da circa 500 euro al mese per spazi condivisi fino a migliaia di euro per uffici indipendenti in zone prestigiose. Per quanto riguarda i salari, questi dipendono fortemente dal tipo di talento che si intende assumere e dal settore specifico della startup. Tuttavia, è importante notare che il salario minimo in Spagna è stato incrementato recentemente, influenzando così i costi complessivi del lavoro. Per posizioni qualificate nel settore tecnologico o digitale, i salari possono essere considerevolmente più elevati rispetto alla media nazionale.

Tassazione e incentivi fiscali

La tassazione delle imprese in Spagna è strutturata per supportare l’innovazione e l’investimento, soprattutto per le nuove imprese e le startup. L’aliquota standard dell’imposta sulle società in Spagna è del 25%. Tuttavia, per le nuove imprese registrate come tali, l’aliquota è ridotta al 15% per i primi quattro anni di attività in cui si realizzano utili. Questa misura è stata introdotta per facilitare la crescita delle nuove aziende durante la loro fase critica di sviluppo.

Oltre alla riduzione dell’aliquota fiscale, esistono numerosi incentivi fiscali progettati per stimolare la creazione e l’espansione delle startup. Uno degli incentivi più significativi è la possibilità per gli investitori di dedurre una percentuale degli investimenti effettuati in startup dal loro imponibile personale. La legge sulle startup ha aumentato questa detrazione dal 30% al 50%, con un limite massimo annuale che passa da 60.000 euro a 100.000 euro. Questo incentivo non solo beneficia gli investitori ma stimola anche un maggiore flusso di capitali verso le giovani imprese, facilitando così l’accesso al finanziamento necessario per crescere.

Un altro aspetto importante della tassazione in Spagna riguarda le esenzioni per i lavoratori stranieri, inclusi i nomadi digitali, che decidono di trasferirsi in Spagna per lavorare. Questi possono beneficiare di una tassazione ridotta sui loro redditi da lavoro, rendendo la Spagna un’opzione ancora più attraente per talenti internazionali.

In sintesi, la struttura fiscale spagnola è progettata per supportare attivamente le startup e le nuove imprese attraverso aliquote ridotte e incentivi significativi. Queste misure non solo alleviano il carico fiscale durante le fasi iniziali critiche ma incentivano anche l’investimento domestico e straniero nelle startup spagnole, promuovendo così un ambiente imprenditoriale dinamico e innovativo.

Panorama attuale delle startup in Spagna

La Spagna si è rapidamente affermata come uno dei centri nevralgici per le startup in Europa, grazie a un ambiente imprenditoriale dinamico e a una serie di politiche governative incentrate sull’innovazione. Le statistiche recenti rivelano che il paese ospita migliaia di startup, con un impatto significativo su economia e occupazione. In particolare, il settore tecnologico e digitale spicca per crescita e investimenti, attratto da un ecosistema di incubatori, acceleratori e fondi di venture capital sempre più robusto.

Gli esempi di successo non mancano: aziende come Glovo, una delle startup di consegna più rapide in crescita in Europa, e Cabify, una delle principali piattaforme di mobilità urbana, hanno radici spagnole e hanno raggiunto una valutazione di mercato significativa. Questi successi evidenziano la capacità delle startup spagnole di scalare rapidamente e competere su un palcoscenico globale.

Tra i settori emergenti, oltre alla tecnologia digitale e al mobile, si distinguono anche la biotecnologia e le energie rinnovabili. Questi campi beneficiano del sostegno di specifiche iniziative governative che includono incentivi fiscali, finanziamenti dedicati e collaborazioni tra università e industria per la ricerca e lo sviluppo.

Inoltre, città come Madrid e Barcellona non sono solo poli economici ma anche centri di innovazione riconosciuti a livello internazionale. Barcellona, in particolare, è stata classificata come una delle città più innovative del mondo per quanto riguarda l’ecosistema startup, grazie anche alla sua capacità di attrarre talenti internazionali e investimenti esteri.

In sintesi, il panorama attuale delle startup in Spagna è vibrante e promettente, con un impatto crescente sull’economia nazionale e la capacità di attrarre imprenditori da tutto il mondo. L’ambiente favorevole creato dalle politiche governative e l’accesso a risorse vitali continuano a sostenere la nascita e la crescita di imprese innovative nel paese.

Dove aprire una startup in Spagna? Scelta della location

La scelta della location giusta è cruciale per il successo di una startup, e in Spagna, le differenze regionali tra le principali città come Madrid e Barcellona possono influenzare significativamente questa decisione. Entrambe le città offrono vantaggi unici, ma presentano anche specifiche caratteristiche che possono essere più o meno adatte a seconda del tipo di attività e delle esigenze imprenditoriali.

Madrid, la capitale della Spagna, è noto per essere il centro finanziario e politico del paese. Questa città offre un ambiente d’affari estremamente dinamico con facile accesso a numerosi servizi finanziari e istituzioni governative. Madrid è anche sede di una vasta rete di trasporti, rendendo la logistica interna ed esterna relativamente semplice e efficiente. Tuttavia, il costo della vita può essere relativamente alto, influenzando così i costi operativi generali, inclusi gli affitti degli uffici e i salari.

Barcellona, d’altra parte, è rinomata per il suo forte focus su innovazione e design. È una delle città leader in Europa per quanto riguarda l’ecosistema startup, particolarmente nelle industrie tecnologiche e creative. Barcellona attrae non solo talenti locali ma anche internazionali, grazie al suo stile di vita desiderabile e alla presenza di prestigiose istituzioni educative e centri di ricerca. Il costo della vita è generalmente più basso rispetto a Madrid, il che può tradursi in minori costi operativi.

Quando si decide la location per una startup, oltre a considerare le caratteristiche specifiche di ciascuna città, è fondamentale valutare altri fattori cruciali:

  • Logistica: Accesso ai mercati di destinazione, infrastrutture di trasporto, disponibilità di fornitori e facilità di distribuzione dei prodotti o servizi.
  • Costo della vita e costi operativi: Affitti degli spazi commerciali, costi del lavoro, e altri costi generali che possono impattare la sostenibilità finanziaria.
  • Accesso al talento: Disponibilità di lavoratori qualificati nel settore specifico dell’impresa e presenza di università o centri di formazione che possono essere un serbatoio di talenti freschi.

Scegliere tra Madrid e Barcellona dipenderà quindi da una combinazione di questi fattori, oltre che dalle specifiche esigenze e dalla natura dell’attività della startup. Entrambe le città offrono opportunità significative ma con approcci e vantaggi distinti che devono essere attentamente valutati per massimizzare le probabilità di successo dell’impresa.

Avvia la tua startup in Spagna con Lawants

Se state considerando di avviare una startup in Spagna o avete bisogno di ulteriori informazioni sui vari aspetti legali e fiscali coinvolti, vi invitiamo a contattare uno studio legale specializzato. Un team di esperti avvocati potrà fornirvi assistenza personalizzata, guidandovi attraverso ogni fase del processo e aiutandovi a prendere decisioni informate che favoriscano il successo della vostra impresa in questo vivace mercato imprenditoriale. Non esitate a raggiungere un professionista per garantire che ogni aspetto legale e fiscale sia gestito con precisione e competenza.

Sei pronto a trasformare la tua visione imprenditoriale in una realtà di successo in Spagna? Non sottovalutare l’importanza di un solido supporto legale e commerciale. Avviare una startup può essere un percorso complesso, pieno di sfide regolamentari e burocratiche che richiedono un’attenzione scrupolosa ai dettagli. Per navigare efficacemente queste acque, è essenziale avere al tuo fianco un team di esperti.

Ti invitiamo a contattare il nostro studio legale per una consulenza personalizzata. I nostri avvocati specializzati in diritto societario e commerciale possiedono l’esperienza e le competenze necessarie per guidarti attraverso ogni fase del processo di avvio, dalla scelta della forma giuridica più adatta alla gestione delle questioni fiscali e alla registrazione ufficiale della tua attività. Assicurati che la tua startup non solo rispetti tutte le normative vigenti, ma sia anche posizionata per prosperare nel mercato spagnolo.

Se stai pensando di avviare una filiale o una succursale della tua azienda in Spagna, è fondamentale avere un supporto legale competente per garantire una costituzione efficace e conforme. Lawants offre servizi specializzati nella costituzione di società succursali e filiali in Spagna, con un team di esperti pronti a guidarti attraverso ogni passo del processo. Contattaci oggi stesso.

Costituzione di società succursali e filiali in Spagna

Guida per la costituzione di società in Spagna. Differenza tra succursale, branch, filiale ed ufficio di rappresentanza. In questo articolo […]

Leggi di più… from Costituzione di società succursali e filiali in Spagna

Scopri di più

Articoli correlati

Open chat
Ciao, come posso aiutarti? Ricorda che possiamo comunicare con te in spagnolo e inglese se ne hai bisogno